Come combattere lo stress: scacco matto in 3 mosse

come combattere lo stress

Danneggia a piccole inesorabili dosi la tua salute la tua prestazione e le tue relazioni. Scopri come combattere lo stress e sconfiggerlo con 3 mosse.           

La chiave per la longevità è evitare le preoccupazioni, le tensioni e lo stress. G. Burns Condividi il Tweet

Questo strumento gratuito contiene un modello esclusivo che ti spiega come combattere e sconfiggere lo stress.

Prima di passare direttamente allo strumento ti consiglio di leggere questo articolo.

Se avrai la pazienza di farlo alla fine dei prossimi 5 minuti e 45 secondi capirai perché.

Lo stress è un killer

come combattere lo stress

Lo stress è un fenomeno che studio da tempo.

Prima per capire come sconfiggerlo su di me.

Infatti per lungo tempo ne ho sofferto.

Con alti e bassi.

Fino a prendermi  qualche  “bruciatura” tosta.

Quella che in inglese chiamano “burn out”.

Questa è stata una molla molto forte che  mi ha spinto a studiare per diversi anni come combattere lo stress.

Studi che hanno portato alla soluzione che ho testato applicato ed esteso ai miei clienti.

Dopo anni di studio infatti ho:

  • trovato il bandolo della matassa
  • messo a fuoco tre strategie anti stress e le relative tattiche pratiche
  • verificato che le strategie e le tattiche funzionano alla grande
  • iniziato a utilizzarle professionalmente come counsellor coach e formatore con i miei clienti.

E ora sto per condividere anche con te le tecniche e gli approcci che mi hanno aiutato ad uscire dalle grinfie di questo vero e proprio “killer”.

Eehhh adesso Killer!?!?!

Non ti sembra di esagerare un pochino?

No affatto.

Non esagero e di seguito ti spiego il perché.

Partendo dall’inizio.

Siamo circondati dallo stress

Ogni giorno arrivi al lavoro e sai già che uscirai senza aver terminato tutte le cose che hai nella tua lista o nella tue mente.

I clienti sono sempre più esigenti.

Disposti a darti ogni giorno un po’ di meno e pronti a chiederti ogni giorno un po’ di più.

I fornitori sono sempre più “rintronati”.

Devono fare i conti con la crisi, con la concorrenza sempre più agguerrita.

O così dicono.

Fatto sta che non sempre rispettano gli standard di qualità, e le scadenze. Insomma, a volte più che risolverti i problemi te li creano.

Beh mano male che ci sono i colleghi mi dirai.

Mmmmm  se ci fai caso anche loro sono sempre più tesi, frustrati e lamentosi.

Il capo poi non ne parliamo. Spesso ti scambia per il suo “punching ball” personale.

Poi ci sono:

  • i tuoi comprensibili pensieri legati alla crisi economica
  • la suocera e le sue manie perfezionistiche
  • il traffico
  • le code in posta e al supermercato
  • i figli che sono peggio dei clienti in termini di richieste e di pressioni (voglio questo voglio quest’altro no questo non lo faccio uffa quand’è che arriviamo etc.)
  • le nuove procedure da seguire
  • le nuove tecnologie da imparare
  • le tasse che crescono
  • l’amore che si sa: non è bello se non è un po’ litigarello
  • le bollette che non calano
  • i regali da fare a natale

e la lista, aimè, andrebbe avanti.

Ma mi fermo.

Mi fermo, ma non finisce qua.

Perché – come se non bastasse – dopo averci a che fare più o meno ogni giorno, poi  c’è il conto da pagare.

Un conto da pagare nel breve periodo e uno nel medio lungo.

I costi dello stress nel breve periodo

Quali sono le conseguenze di essere costantemente dentro questo frullatore di:

  • richieste,
  • pressioni,
  • ambienti stressogeni
  • e relazioni “tossiche”?

Quando lo chiedo ai partecipanti dei miei corsi nati stress in aula, mi dicono queste cose.

Vedi se succede qaulcosa del genere anche a te.

C’è quello che succede alla “pancia “ (reazioni emotive allo stress)

  • Apprensione
  • Ansia
  • Rabbia collera
  • Apatia
  • Demotivazione
  • Depressione
  • Imbarazzo, vergogna

C’è  quello che succede alla mente (conseguenze cognitive dello stress)

  • Le decisioni diventano più lente o frettolose. In entrambi i casi poco “buone” (poi portano ad errori e quindi a maggiore stress con frustrazione etc)
  • Le priorità diventano più difficili da mettere a fuoco
  • Problemi di concentrazione
  • La memoria fa più spesso cilecca
  • Si riduce la creatività
  • Aumenta la “turbolenza mentale”: i pensieri sono più frenetici e insistenti
  • Più facile cadere nel pessimismo cosmico

E per non farci mancare niente lo stress si fa sentire anche nel corpo. Ad esempio:

  • Mal di testa
  • Mal di collo
  • Mal di schiena
  • Gastriti
  • Irritazioni cutanee

Non è un caso che si stima che dal 75 al 90% delle visite mediche sono per questioni in qualche modo collegate allo stress.

E non è finita qua.

Passiamo dai costi nel breve periodo a quelli nel medio lungo.

I costi nel medio lungo periodo

Gli effetti che scatena non si fermano a quelli che abbiamo visto prima.

Lo stress è responsabile di reazioni a catena che coinvolgono:

  • la prestazione lavorativa
  • la salute
  • le relazioni significative

Te li presento sinteticamente di seguito.

I costi per le aziende

Il Sainsbury Centre for Mental Health  stima che, per i datori di lavoro britannici, il costo complessivo dello stress, dell’ansia e della depressione sia pari a 1 035 GBP per dipendente all’anno (1 220 EUR). (fonte)

Una stima che  ovviamente non può tenere conto del costo degli errori legati:

alle decisioni sbagliate,

al calo di concentrazione

all’appannamento

che si verificano nel nostro sistema mente-corpo-emozioni quando siamo nelle grinfie dello stress.

Non è un caso che lo studio da cui ho tratto quel dato concluda dicendo:

Dagli studi emerge chiaramente che la prevenzione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro è economicamente conveniente“.

I costi per la salute

Questo Killer è infingardo.

Non fa danni subito ma ogni giorno lentamente ci lavora ai fianchi.

In pochi lo notano o fanno qualcosa.

Eppure lo stress gioca un ruolo in cinque delle principali cause di morte: incidenti, cancro, infarto, malattie cardiache. (fonte)

Inoltre è stato ormai dimostrato che lo stress comporta modifiche e alterazioni al nostro DNA. (fonte)

Alterazioni poco simpatiche. (fonte)

E torniamo da quel pero e da quel melo:

la nostra salute nel medio lungo termine ci rimette di brutto.

Stress: un coacktail esplosivo per le relazioni

Anche per molte problematiche  relazionali spesso di riffa o di raffa c’è di mezzo una condizione di stress di una o entrambe le parti in gioco. 

Basta che prendi gli effetti dello stress su corpo mente ed emozioni che abbiamo visto prima e fai un bel cocktail.

Ecco la ricetta.

Prendi uno o più di questi ingredienti (in uno o entrambe le parti in gioco):

  • ansia
  • ruminazione
  • aggressività
  • stanchezza
  • dolori di varia natura
  • pessimismo
  • apatia

Mescola e agita ben bene.

Una volta mescolati e agitati ogni giorno in quantità diverse in una relazione (lavorativa, o intima) alla lunga che succede?

Esatto.

Non serve che te lo dica io.

Come combattere lo stress: attenzione a certi rimedi

E per chiudere spesso succede che certi rimedi siano peggiori del male.

Come vedrai più avanti – se decidi di guardarti questo video corso gratuito – spesso come reagiamo ai sintomi dello stress non fa altro che peggiorare le cose.

Le cosi dette strategie di coping “disadattive” nel breve danno un temporaneo sollievo.

Ma – come certi medicinali – hanno controindicazioni spesso trascurate.

Conclusioni e augurio

Se fai quello che hai sempre fatto otterrai quello che hai sempre ottenuto. A. Einstein Condividi il Tweet

Complimenti Mirco!

Prima ero stressato.

Adesso sono anche depresso con tutte queste brutte notizie.

Bene.

Come bene?!?!?!!?

Ti dico che mi sono depresso e te mi dici bene.

Oltre a essere un po’ strano sei anche un po’ stronzetto!?!?

No non sono sadico o … come dici te 😉

Può sembrare che lo sia.

Ma non lo sono.

Anzi.

Ci tengo molto a che tu possa combattere lo stress.

Altrimenti non mettevo a tua disposizione un video corso gratuito con:

  • la sintesi di un corso che tengo dal vivo da diversi anni su come combattere e ridurre lo stress
  • un modello esclusivo che ti fa capire come funziona lo stress
  • la soluzione per sconfiggerlo definitivamente

Ma c’è un “ma”.

Io ti spiego per filo e per segno come combattere lo stress.

E fidati funziona.

Ma, se vuoi sconfiggere lo stress dovrai:

  • fare delle cose che adesso non fai
  • o smettere di farne altre che adesso fai.

Quelle che ti suggerisco alla fine del corso.

Poi però tocca a te metterle in pratica.

Quindi:  se vuoi stare meglio se vuoi liberarti dallo stress nel video corso che segue troverai la soluzione.

Trovi le tre mosse che danno scacco matto allo stress.

Poi tocca a te cambiare.

E chi più a chi meno non ci piace cambiare.

Si fa fatica.

E a volte ce ne stiamo nella nostra zona di confort.

Magari ci lamentiamo un po’ dello stress e poi?

E poi diciamo vabbè da domani ..

Per questo ci tenevo a presentarti  – seppur sinteticamente – un quadro realistico di cosa può succedere se decidi di non far nulla.

Se scegli di non cambiare.

Bene.

Dopo questo “allineamento” ho terminato questa introduzione.

E chiudo con l’augurio di ritrovarti dall’altra parte.

A tra poco.Mirco.

Ei aspetta!!!

Ho alcune domande.

Dove posso vedere i contenuti di questo strumento?

Vai in fondo a questa pagina.

Clicca su espandi tutto.

Ecco fatto: vedi tutti i contenuti dello strumento.

Come accedere allo strumento?

Per usare questo e gli altri strumenti gratuiti basta cliccare sul pulsante verde “Usa lo strumento”.

Lo trovi in fondo alla pagina.

Attenzione: prima occorre avere fatto l’accesso al sito.

Ora ci sono due evenienze:

  • hai già fatto la registrazione
  • non hai ancora fatto la registrazione

Hai già fatto la registrazione

Se ti sei già registrato al sito Allineamenti hai già la “chiave” per entrare.

Basta usarla.

E come si fa?

Ogni volta che vuoi accedere agli strumenti:

  • clicca sul pulsante Accedi in alto a destra la barra del menu
  • inserisci le credenziali (mail e password) che hai fornito al momento della registrazione.

In questo modo potrai accedere a questo strumento e agli altri strumenti gratuiti riservati agli utenti registrati.

E una volta che sono entrato?

Vai allo strumento che ti interessa e clicchi sul pulsante verde con scritto “Usa lo Strumento”.

E dove è questo pulsante verde?

Lo trovi in fondo alla pagina di presentazione di ogni strumento.

Non hai ancora fatto la registrazione

Se non ti sei ancora registrato ti registri in 22 secondi qua.

Inserisci:

  • il tuo nome
  • il tuo cognome
  • la tua migliore mail
  • e la password che scegli.

In questo modo ottieni la chiave per accedere.

Un consiglio:

segnati la password in posto sicuro per quando la dovrai riutilizzare per accedere al sito.

Ogni volta che vuoi entrare nella parte degli strumenti usi la “chiave”.

Come?

Fai l’accesso inserendo le tue credenziali (mail e password) qua.

E poi clicchi sul pulsante verde con scritto “Usa lo Strumento”.

E per navigare all’interno dello strumento?

E’ molto semplice.

Nella barra laterale sono riportati i contenuti con i moduli e gli argomenti dei moduli.

Attenzione: la prima volta che utilizzi lo strumento devi seguire la sequenza dei contenuti.

L’interfaccia è stata costruita per simulare un corso dal vivo.

Per questo ti impedisce di passare ad un modulo o argomento successivo se prima non hai completato il modulo o argomento precedente.

Quando hai completato un modulo o argomento clicca sul pulsante “Segna come completato” e puoi passare all’argomento o modulo successivo.

Se ti dimentichi di cliccare sul pulsante “Segna come completato” non ti preoccupare: appare un messaggio che ti ricorda di farlo.

Se vuoi tornare a moduli o argomenti che hai già completato invece puoi navigare senza alcuna limitazione.

E se ho dubbi domande o considerazioni?

Non esitare ad usare lo spazio per i commenti.

Da più di 20 anni porto avanti la mia passione di facilitare la crescita dialogando dal vivo.

Il metodo che utilizzo per l’accompagnamento alla crescita è il dialogo.

Infatti non amo e non sono bravo a fare le conferenze e i monologhi.

Ora con il progetto Allineamenti cerco di portare avanti questo dialogo anche quando sto scrivendo.

Per farlo immagino di parlare con una persona.

Una persona immaginaria e allo stesso tempo “realistica”.

Infatti lascio a questa persona immaginaria il compito di esprimere:

  • i dubbi
  • le domande
  • e le considerazioni

che ho raccolto in questi anni di aula, di coaching e counselling sui temi che di volta in volta sto affrontando.

Il massimo però sarebbe potere dialogare direttamente con te.

Per questo ti invito fin d’ora a utilizzare lo spazio per i commenti che trovi in ogni pagina di questo strumento.

Puoi usare lo spazio per i commenti per farmi domande, esprimere dubbi e perplessità o condividere tue considerazioni sull’argomento trattato.

Sarà mio grande piacere risponderti e portare avanti … il dialogo con te.

E per chiudere ….

Ti ringrazio molto per l’interesse e per l’ascolto.

Spero di poterti incontrare dall’altra parte e di fare la tua conoscenza grazie ai commenti.

Comunque e a prescindere ti faccio un grosso in bocca al lupo.

Per la tua crescita, benessere e prosperità.

 

  • Natale Mastrota

    Molto utile e consigliabile perchè a me ha aumentato la consapevolezza interiore e su come percepire in maniera corretta bisogni e risorse aiuta a non generare stress.

  • Grazie per il commento Natale mi fa molto piacere che hai trovato utile questo strumento! Alla prossima, Mirco.

  • Maurizio

    Ho trovato molto interessante questo strumento. In particolare mi ha colpito la tempesta ormonale che si può scatenare quando siamo sotto stress.

    • Grazie per il commento Maurizio. La tempesta ormonale è uno dei motivi per cui parlo dello stress quasi come di un “Killer”: perchè conduce alle prime 5 principali cause di morte. Inoltre – in base ad uno studio americano – è coinvolto anche in problemi di salute meno gravi ma inabilitanti tanto che 4 visite dal medico su 5 sono in qualche modo riconducibili allo stress. Per questo se vuoi darmi una mano ti invito a convididere con i tuoi contatti questo strumento gratuito pigiando sui pulsanti social /Facebook Twitter, Linkedin, etc.) che trovi sopra. Graze e alla prossima Mirco.