Perdere tempo: è sicuro senza questo atteggiamento

Scopri un errore inconscio che fai spesso e quale atteggiamento ti aiuta a non perdere tempo e altre risorse preziose come energia danaro e immagine.        

Se ho una settimana per risolvere un problema difficile dedico sei giorni a definire il problema A. Einstein Condividi il Tweet

 

Perdere tempo ed energia è una delle cose che mi fa andare più in bestia.

In parte ciò è legato al mio tipo di personalità.

In parte ad uno dei miei valori di fondo.

La combinazione di queste spinte interiori mi ha portato a sviluppare il modello per la gestione del tempo .

Un modello dal nome un pò strano: la mamma di tutte le matrici.

Se ancora non l’hai visto te lo consiglio vivamente.

E’ uno strumento gratuito da molti considerato indispensabile.

Ti aiuta a gestire al meglio il tempo e altre importanti risorse scarse come:

  • l’energia
  • il denaro
  • le risorse umane.

Se hai visto la mamma di tutte le matrici ti è chiaro che considero il tempo una cosa più preziosa del denaro.

Ecco perché studio da sempre il modo e la maniera per essere efficiente organizzato e sfruttare al meglio il tempo che ogni giorno mi concede.

Per questo motivo:

  • ho letto miriadi di libri
  • applicato miriadi di tecniche
  • uso diverse applicazioni.

Il tutto per tenere sotto controllo la mia “ossessione”: non perdere tempo.

E immagino che anche per te sia molto importate questa cosa giusto?

Come fai a dirlo?

Beh altrimenti non saresti qua.

E anche tu sei alla ricerca di qualcosa che non hai ancora trovato vero?

Altrimenti non la staresti ancora cercando.

E hai ragione.

C’è qualcosa che spesso ci sfugge nonostante le tecniche e le app per fare le to do list con lo smatphone.

Perdere tempo: la causa è nel mondo interiore

C’è qualcosa che ci sfugge se stiamo solo nel reame delle tecniche e delle competenze trasversali legate al fare.

Si è vero, sviluppare le competenze di:

  • organizzazione e planning
  • di analisi e creatività
  • di decision making

è molto importante se vuoi limitare la dispersione del tempo.

Ma tra le 12 soft skills su cui lavorare per non perdere il treno c’è un’altra competenza che va sviluppata.

Una competenza fondamentale se vuoi evitare sprechi enormi di tempo e altre risorse preziose.

E’ la competenza che ti consente di debellare un virus “perdi tempo perdi soldi e perdi energie”.

Molti di noi sono affetti da questo virus.

Una sindrome invisibile e nefasta.

Una sindrome che ci porta a:

  • perdere tempo
  • perdere energia
  • sprecare denaro
  • intaccare la nostra immagine, credibilità e autorevolezza.

E’ un virus, una sindrome “trasversale”.

In che senso trasversale?

Colpisce tutti senza discriminazioni di sesso, di ruolo o “ambito”.

L’ho visto fare danni – oltre che su di me – anche su:

  • direttori generali
  • manager
  • imprenditori
  • venditori
  • responsabili marketing strategico
  • direttori commerciali

e potrei andare avanti all’infinito.

L’ho visto insinuarsi in diversi ambiti:

  • soluzione di problemi
  • gestione di progetti
  • la gestione di una obiezione
  • la definizione di una strategia aziendale
  • l’impostazione di una strategia di vendita o negoziale

e anche qui mi fermo ma potrei andare avanti all’infinito.

Il punto è che questo virus colpisce ogni cosa che sia sotto forma di processo.

Cioè laddove per arrivare ad un risultato occorre attraversare una serie di fasi sei a rischio di cuccarti questa piaga.

Quindi anche se faccio la pizza o una torta o organizzo una vacanza?

Si, si e si.

Di fatto se ci pensi vale per tutto.

Risolvere problemi è un processo.

Vendere è un processo.

Costruire una strategia è un processo.

Fare la torta ..

Aspetta indovino … E’ un processo!

Esatto.

E adesso sono curioso anzi molto curioso.

Come si chiama sto virus malefico che infetta i processi?

Allora il vero nome non lo so, io lo chiamo “frenesia canaglia”.

E’ lui il responsabile principale di perdite di tempo denaro, energie e di altre risorse preziose.

E la competenza qual è?

Dai dunque non farti pregare!

La competenza è la consapevolezza interiore.

Infatti:

  • la frenesia canaglia
  • e il meccanismo che ti spiego meglio nel video gratuito che trovi dall’altra parte

da dove vengono?

Vengono da “roba” che si muove dentro di noi.

Ecco perché nel master in management dove sono responsabile dei moduli sulla leadership non parto dal pensiero strategico o dalla gestione delle persone.

Parto proprio dalla consapevolezza interiore.

Mi fai qualche esempio di questa roba interiore che porta alla frenesia canaglia?

Certamente.

Ad esempio c’è l’ansia dei fare che ha la meglio sul prendere il tempo per pianificare.

Ad esempio c’è il nostro Ego infantile che non vuole fare la fatica di pianificare.

Perchè pianificare è faticoso?

Perchè occorre ragionare, fare ipotesi, insomma occorre usare la mente.

E questo è faticoso, specie se non ci siamo abituati.

In più mentre ragioniamo non vediamo subito qualche risultato tangibile.

E il risultato è che spesso passiamo rapidamente al fare.

Il fare ci da sollievo.

Un ultimo esempio di una roba che viene dal mondo interiore e che alimenta la frenesia canaglia: i tipi di personalità.

Alcuni di questi tipi infatti hanno una preferenza di fondo per l’azione nel mondo esterno rispetto alla riflessione nel mondo interno.

E con le persona che hanno questi tipi la frenesia canaglia va a nozze.

Altri tipi che di norma sono inclini a esplorare il mondo interiore perdono questa tendenza quando sono sotto stress.

E sotto stress si spostano rapidamente e “freneticamente” nel mondo esterno senza fare ciò che sanno fare meglio: riflettere prima di agire.

E in questo caso fanno danni anche più grossi dei tipi estroversi che si sono un po’ abituati ad agire rapidamente nel mondo esterno.

Lo stress un acceleratore del virus

E siccome lo stress è in aumento e non in calo fa da catalizzatore di questo fenomeno.

Ecco che ricomincia con le parolacce.

Catalizzatore nel senso che lo stress funziona come la benzina sul  fuoco della frenesia.

Lo stress facilita e accelera la frenesia canaglia.

Con la conseguenza che:

  • si fanno più errori,
  • si sprecano risorse scarse
  • e quindi lo stress aumenta.

E questo innesca un altro circolo vizioso di errori sprechi etc.

Ecco perché conoscere meglio questo virus e cominciare a praticare quello che io chiamo il mantra anti frenesia è così importante.

E qual è sto mantra?

Te lo spiego dall’altra parte assieme al resto.

Dai vieni in questo caso non c’è bisogno di riflettere.

Fidati.

Ci vediamo dall’altra parte.

Oi aspetta ho due domande:

ma come faccio a seguirti dall’altra parte?

e se ho dei dubbi o domande quando guardo i video dall’alra parte?

Circa la prima domanda.

Prima di tutto la registazione

Prima di tutto devi aver fatto la registrazione.

Si fa una una volta sola e sei a posto per sempre.

Se non l’hai ancora fatta clicca qui  e inserisci:

  • il tuo nome,
  • il tuo cognome
  • la tua migliore email
  • e una password

e in pochi secondi sarai registrato.

Ogni volta che vuoi usare uno strumento occorre fare l’accesso

Dopo che sei registato ogni volta che vuoi usare uno strumento accedi alla piattaforma.

Per accedere inserisci le credenziali (email e password) che hai scelto quando ti sei registrato.

E voilat puoi usare tutti gli strumenti gratuiti.

Se invece:

  • sei già registrato
  • e hai già fatto l’accesso

è sufficiente che spingi sul pulsante verde che vedi sotto che dice “Usa lo strumento”.

Se infine hai già cliccato in precedenza il pulsante “Usa lo strumento”e stai tornando sullo strumento non devi neanche spingere sul pulsante verde.

Puoi andare direttamente ai contenuti dello strumento.

E se ho dubbi domande o considerazioni?

Non esitare ad usare lo spazio per i commenti.

Da più di 20 anni porto avanti la mia passione di facilitare la crescita dialogando dal vivo.

Il metodo che utilizzo per l’accompagnamento alla crescita è il dialogo.

Infatti non amo e non sono bravo a fare le conferenze e i monologhi.

Ora con il progetto Allineamenti cerco di portare avanti questo dialogo anche quando sto scrivendo.

Per farlo immagino di parlare con una persona.

Una persona immaginaria e allo stesso tempo “realistica”.

Infatti lascio a questa persona immaginaria il compito di esprimere:

  • i dubbi
  • le domande
  • e le considerazioni

che ho raccolto in questi anni di aula, di coaching e counselling sui temi che di volta in volta sto affrontando.

Il massimo però sarebbe potere dialogare direttamente con te.

Per questo ti invito fin d’ora a utilizzare lo spazio per i commenti che trovi in ogni pagina di questo strumento.

Puoi usare lo spazio per i commenti per farmi domande, esprimere dubbi e perplessità o condividere tue considerazioni sull’argomento trattato.

Sarà mio grande piacere risponderti e portare avanti … il dialogo con te.

A tra poco Mirco.