Come risolvere problemi e prendere decisioni

Tutta la vita è risolvere problemi. K. Popper Condividi il Tweet

Questo corso mira a sviluppare una competenza trasversale:

  • molto importante
  • molto trascurata.

Perché parlo di competenza trasversale?

Per diversi  problemi e decisioni servono competenze tecniche e specialistiche.

Per aggiustare un’automobile bisogna avere le competenze di un meccanico, per riparare un lavandino  sono utili le competenze di un idraulico, per sviluppare un sito web occorre avere competenze tecniche specifiche di web design.

Questo corso quindi non fornirà competenze tecniche specifiche per mestieri specifici.

Per quello servono corsi che sviluppano competrenze tecniche.

Questo è un corso che sviluppa conoscenze, capacità ed atteggiamenti  che aiutano a risolvere qualsiasi tipo di problema.

Al lavoro e nella vita.

Questo corso offre un metodo che è per l’appunto “trasversale”.

Aiuta in qualsiasi problema e decisione ad essere più efficace ed efficienti.

Cioè a trovare la soluzione più adatta a prendere la decisione migliore usando al meglio le risorse: tempo, denaro, energie e persone.

Perché dico molto importante?

La gente non vuole un trapano, vuole un buco nel muro P. Kotler Condividi il Tweet

Prima di tutto perché come dice giustamente il filosofo austriaco Karl Popper la vita è risolvere problemi. E – mi permetto di aggiungere – prendere dicisioni.

La vita al lavoro o nella dimensione privata è – che ti piaccia o no – un susseguirsi di problemi e di decisioni.

E le decisioni sbagliate – o non ottimali – … costano.

Il costo è determinato dalle conseguenze negative in caso di decisone errata o non ottimale e si misura con spreco di:

  • tempo,
  • energia,
  • soldi e altre risorse preziose.

Quelle risorse che durante la crisi sono sempre più scarse.

Per questo la competenza di problem solving e decision making è una competenza trasversale non solo importante ma … “strategica”.

Perché se messa in pratica aiuta a sviluppare il tuo vantaggio competitivo nel mercato dei beni o servizi o in quello del lavoro.

Pensi che stia esagerando?

Il ragionamento è molto semplice.

Se la vita è risolvere problemi non vale solo per te.

Vale anche per i clienti (interni o esterni).

I clienti infatti non comprano un prodotto o un servizio.

Comprano una soluzione ad un problema.

O – come dice Kotler,  uno dei massimi guru di marketing strategico – la gente non compra trapani compra buchi nel muro.

Quindi imparare un metodo che ti aiuta a risolvere meglio problemi ti offre un vantaggio sui concorrenti.

Ma lo stesso ragionamento vale nel mercato del lavoro.

Una azienda – se vai al sodo – non assume dipendenti, non promuove ruoli.

L’azienda assume e promuove chi risolve problemi.

E per risolvere problemi meglio degli altri le competenze tecniche non bastano.

Perché dico che è una competenza trasversale trascurata?

Perché siamo in Italia.

In Italia la cultura tende a dare molta importanza alle competenze tecniche e trascura le competenze trasversali.

Quindi se quanto sto dicendo ti sembra poco chiaro o convincente, non è colpa tua – o mia – è una questione culturale.

La cultura infatti incide tantissimo sulla percezione di importanza. Cioè su come le persone considerano qualche cosa.

Vuoi un esempio semplice?

Prendi il calcio.

In italia il calcio è molto importante per molti italiani.

Ma se ti sposti in America o Australia cosa succede?

Succede che la percezione di importanza del calcio svanisce e perdono di senso tre testate giornalistiche dedicate al calcio e la miriade di trasmissini televisive che in trovi in Italia.

Credo non sia un caso che questa competenza trasversale venga chiamata – spesso anche in Italia – Problem Solving & Decision Making.

Io l’ho appresa a Londra nel ’97 quando lavoravo nella selezione formazione e sviluppo risorse umane.

Il mio capo Gary era un “fanatico” di questa competenza trasversale e la ustilizzavamo tutti i giorni.

Dal mio rientro in Italia ho utilizzato questa competenza:

  • nei corsi di formazione per aziende in diversi sttori (automotive, industriale, farmaceutico, grande distribuzione)
  • per scegliere tra diverse offerte di lavoro
  • nel mio ruolo di manager delle vendite (+ 310% di fatturato in meno di 3 anni)
    • per costruire la strategia commerciale
    • per aiutare i miei venditori a vendere di più
  • nel mio ruolo di consulente di sviluppo organizzativo per analizzare e proporre miglioramenti organizzativi
  • nelle sessioni di coaching e counselling per accompagnare i miei clienti ad analizzare e risolvere problematiche professionali e personali

E per chiudere voglio farti un ultimo esempio.

Un esempio che non esaurisce gli ambiti in cui ho utilizzato questo metodo, ma che da la misura della versatilità dell’approccio e delle tecniche proposte.

L’esempio è quello del Golf.

Dal 2014 ho iniziato a giocare a Golf ed utilizzato il metodo per realizzare i miei obiettivi di miglioramento del gioco.

Ovviamente il metodo non si è sostituito alla competenza tecnica del mio maestro.

Ma mi ha aiutato a trovare le aree del mio gioco che andavano maggiormente migliorate per realizzare i mie obiettivi.

E – se ti può sembrare strano quanto ti dico – vale la pena ribadire i punti fondamentali di questa presentazione del corso.

Il metodo per risolvere problemi e prendere decisioni che troverai dall’altra parte aiuta:

  • a prescindere dal settore della tua azienda
  • a prescindere dal ruolo che ricopri
  • nel lavoro e nella vita

a scegliere le soluzioni migliori e ottimizzare le risorse che investi.

Infatti il metodo ti consente di evitare le trappole che la mente mette lungo il cammino che compi per andare da dove ti trovi quando hai un problema a quando hai messo in pratica la soluzione.

E questo per te significa:

  • correre meno rischi,
  • sprecare meno tempo, soldi ed energie
  • realizzare più rapidamente i tuoi obiettivi
  • avere più vantaggio competitivo per te o la tua azienda.
Usa lo strumento

Materiale